Agriturismo Addò Zi Luigino

Agriturismo Camere
località raspato (campo braca) - San Gregorio Matese (Ce)
338 8997117 / 338 9110443 / 0823 1608016

Categoria: Agriturismo, Camere a San Gregorio Matese , Mangiare a San Gregorio Matese , Dormire a San Gregorio Matese

Agriturismo Addò Zi Luigino… dove la natura è di casa.

Il Matese è una terra affascinante; campi e pianori accolgono da sempre piccole mandrie di mucche e di cavalli che si muovono in assoluta libertà in luoghi ancora incontaminati. La presenza di vasti pascoli e di ricche e numerose sorgenti, che stillano acqua fresca e cristallina, ha permesso per secoli a molte famiglie di trovare qui le risorse necessarie al loro sostentamento.

Così è stato anche per zi’ Luigino, storico pastore matesino che ha dedicato la sua vita all’allevamento di ovini e alla produzione di formaggi. È lui ad aver tracciato una strada che, da qualche anno, ha deciso di percorrere anche suo nipote Luigi De Lellis. I nonni di Luigi, con duro lavoro e tanti sacrifici, hanno trovato il loro “rifugio” proprio sul Matese, al Raspato, una località che prende il nome dal vicino monte Raspalo; a pochi chilometri dal Lago del Matese.

Già dall’ingresso, dove un cartello dà il benvenuto agli ospiti, si è catturati dal fascino di un paesaggio straordinario, a circa 1.200 metri di altitudine, circondato da boschi di faggio e incantevoli scorci. Nei campi vicini si possono osservare gruppi di vitelli che pascolano tranquillamente e splendidi cavalli che si rincorrono al galoppo.

A incantare ancora di più, è il panorama. Le nuvole bianche risaltano sullo sfondo azzurro di un cielo illuminato dal sole. È stupefacente come in lontananza, dal cuore del Parco nazionale del  Matese, si riesca a distinguere il profilo del Vesuvio e delle isole del golfo di Napoli.

Nell’aria si sente la fragranza dei fiori di campo e… un “certo profumino” che fa venire l’acquolina in bocca. Lo chef sa bene come esaltare i prodotti e i veri sapori della montagna.

Da Zi Luigino la cucina si riconosce anche grazie ai suoi odori. Comodamente seduti nella luminosa e ospitale sala si può gustare un abbondante e colorato antipasto a base di vari assaggi “caldi” e un ricco tagliere di salumi, verdure miste, caciocavallo e altri formaggi, quelli prodotti dalla famiglia De Lellis da generazioni, che hanno il sapore e il profumo della tradizione.

Il piatto che colpisce maggiormente, anche perché non è molto diffuso, è sicuramente lo stracotto di pecora, detto anche “pezzata”. La versione proposta qui vince ogni forma di resistenza. La preparazione e gli aromi di cottura riescono ad addolcire molto il sapore pungente che caratterizza la carne di pecora, esaltandone il gusto e rendendola molto tenera. Tutte le carni impiegate provengono dagli allevamenti presenti nell’area del Matese. Le portate principali sono sempre legate alla stagionalità dei prodotti, in particolare gli ortaggi, che vengono coltivati nell’orto antistante la struttura. Il sapore, il profumo e la consistenza di ogni assaggio vanno ben oltre ogni aspettativa.

A pochi metri dall’agriturismo si trovava un piccolo ricovero per gli animali e le stanze abitate dai nonni di Luigi, che ha pensato bene di recuperare il tutto realizzando due miniappartamenti con ciascuno quattro posti letto, servizi e una cucina dotata di tutto il necessario. Chiunque desideri trascorrere il proprio tempo libero in montagna, qui troverà la soluzione ideale, avendo la possibilità di essere completamente autonomi e soddisfare ogni esigenza. Gli ambienti sono molto accoglienti e confortevoli, e ricordano le piccole residenze di montagna.

Un’alternativa ai miniappartamenti è rappresentata da tre camere, da due o tre posti letto ognuna. Nella ristrutturazione, Luigi ha saputo dimostrare grande attenzione verso il recupero e la valorizzazione degli elementi legati alla storia della famiglia, mettendo in risalto le travi in legno e l’uso della pietra viva. Mentre, alcuni strumenti tradizionali utilizzati per lavorare la terra sono in mostra sul terrazzo d’ingresso a formare un piccolo museo. Poco più in là, un bellissimo ciliegio protegge un’area giochi destinata ai bambini, che avranno molto da scoprire e di cui stupirsi. Gli adulti possono intrattenersi con rilassanti escursioni a piedi o a cavallo nei sentieri che esplorano le faggete; per gli amanti della bike, c’è la splendida Ciclolago: oltre 20 chilometri di pista ciclabile, ben segnalata, che disegna un anello proprio intorno al Lago del Matese.

La magia di questo luogo in inverno,  quando la neve ricopre tutto con un bianco mantello, esalta l’autentica bellezza della montagna. Trascorrere piacevoli momenti accanto al camino degustando un calice di vino, in attesa di consumare una zuppa calda o un succulento arrosto di carne.

Zi Luigino è tutto questo…  un luogo dove si riesce a respirare e a vivere il vero spirito della montagna, attraverso la storia di una famiglia e di un giovane uomo che mostra un solido attaccamento alle sue radici. Lo si percepisce osservando con quanta attenzione sia stato valorizzato il passato, gustando i piatti che sanno di tradizione.

Per raggiungere l’agriturismo vi suggeriamo la strada che passa per il Lago del Matese, perchè è più bella, panoramica e piacevole, e soprattutto, più comoda e sicura.

  • Cucina matesina
  • Prodotti tipici
  • Bed & Breakfast
  • Appartamenti indipendenti
  • Relax
  • Escursioni

Località Raspato (Campo Braca)

San Gregorio Matese (CE)

Tel. 0823 1608016

Mobile. 338 9110443 – 338 8997117

FB: Agriturismo Addò Zi Luigino

Agriturismo Matese  Dormire Matese  Formaggi Matese  piatti tipici  Prodotti Tipici Matese 

Photogallery

Contatti

Agriturismo Addò Zi Luigino

https://matese.guideslow.it/strutture/agriturismo-addo-zi-luigino/

Web www.addoziluigino.it/
Email ziluiginoagriturismo@gmail.com
Indirizzo località raspato (campo braca)
San Gregorio Matese (Ce)
Telefono0823 1608016
Cellulare338 8997117
Altro338 9110443

Produzioni

Non ci sono Produzioni

Servizi

Area giochi Area Pic Nic Area Verde Degustazione prodotti locali Parcheggio Privato

Sport

Non ci sono Sport
Puoi trovare questo contenuto nella Guida Turistica del Matese edizione 2018,alle pagine 98 - 105